Vittorio Sgarbi cacciato da Maurizio Costanzo

Ieri sera è andata in onda un’altra puntata del Maurizio Costanzo Show. Ancora una volta ha dato spettacolo Vittorio Sgarbi. Dopo aver mancato di rispetto  a Fiorello domenica scorsa, questa volta Sgarbi, noto soprattutto per la sua frequente irascibilità, se l’è presa direttamente con il conduttore dello storico programma. Maurizio Costanzo era preso dall’intervista di Claudia Galanti sulla dolorosa morte della figlia di nove mesi, gli ha spudoratamente chiesto di tacere perché era molto infastidito dal suo fastidioso brusio di sottofondo. Ancora una volta Vittorio Sgarbi ha dato uno spettacolo dei suoi.

sgarbi-large

Uno degli ennesimi fuori programma che hanno causato le ire del conduttore, ma soprattutto i fischi del pubblico in sala. Rimproverato dal conduttore per il costante brusio che infastidiva l’intervista a Claudia Galanti, il critico d’arte ha risposto con la sua rabbia infarcita di parolacce e ha lasciato lo studio mandando a quel paese Maurizio Costanzo e il pubblico fischiante.

Ecco cosa è successo: “Stiamo ascoltando una signora che ha perso la figlia di soli nove mesi, voi avete il dovere di stare zitti, è chiaro? Se Sgarbi parla, voi non rispondete, glielo spiego dopo io, ma adesso stai zitto” le parole che ha detto il padrone di casa e lui, sotto gli applausi di tutti verso Maurizio Costanzo ha risposto: “La signora parla troppo piano, non si sente un c***o da qui “ poi ha subito aggiunto: “Mi avete rotto i co***, me ne vado per i c*** miei. Andate a fare in c*** tutti”. Subito Maurizio Costanzo gli ha risposto: “E’ un tuo problema, prenditi l’apparecchio forse non ci senti”. Appena Sgarbi è uscito dallo studio, Maurizio Costanzo ha detto: “Abbiamo liberato un posto, non era mica facile”. Così è andata la vicenda ieri sera al Maurizio Costanzo Show, dove proprio Sgarbi non poteva perdere così le staffe proprio nel salone dove è stato lanciato  più di venticinque anni fa.

1-49-116

Un comportamento da vero maleducato, ma alla fine lo conosciamo benissimo come è fatto Vittorio Sgarbi. Ci saremmo stupiti del contrario.