Si racconta per la prima volta a cuore aperto Sonia Bruganelli moglie di Paolo Bonolis

Paolo-Bonolis-e-Sonia-Bruganelli-a-Formentera-05 (1)

Si racconta per la prima volta a cuore aperto Sonia Bruganelli la moglie di Paolo Bonolis. Per la prima volta, parla dei problemi della loro prima figlia, Silvia, e delle sue paure di non essere all’altezza, e la gioia per i progressi della figlia. “Silvia è partita in salita – racconta la Bruganelli, 41 anni, in un’intervista a Gente – Appena nata è stata sottoposta a un intervento al cuore. Il post operatorio è stato problematico e l’ha portata ad avere un po’ di ritardi durante la crescita”. Un percorso difficile, quello affrontato da lei e dal marito Paolo Bonolis: “Il mio primo timore è stato: ‘Come riuscirò a comunicare con mia figlia?’. Io non mi arrendevo all’idea che sarebbe potuto non accadere”. Logopedia, fisioterapia per la riabilitazione, tante le cure a cui la piccola che oggi ha 12 anni è stata sottoposta.

paolo_bonolis_sonia_bruganelli_formentera_645

Ma ora, Sonia sorride: “Abbiamo faticato molto, ma ora stiamo gioendo di tutti i suoi progressi. Silvia diventa ogni giorno più autonoma e aggiunge un tassello importante al suo cammino”.

“Ce l’abbiamo fatta – dice la Bruganelli – Riesco a comunicare con mia figlia. Lei capisce tutto e dice la sua. Ma soprattutto migliorerà ancora. Un grande traguardo per lei, per noi e per coloro che ci hanno seguito e sostenuto in questi anni. Nonostante le sue difficoltà iniziali, Silvia è la più solare, divertente, ironica, la più disponibile verso gli altri ed è innamoratissima di Paolo”.

Legati da 18 anni, Sonia e Bonolis sono sempre uniti e innamoratissimi. Hanno altri due figli, Davide di 10 anni e Adele Virginia di 7, anche se il conduttore ne aveva avuti già altri due dal suo primo matrimonio. “L’essere diventata madre mi ha davvero completata” confessa la bella moglie del presentatore tv che poi ammette di sognare, un altro pancione: “Amo i bambini, tanto che a volte mi verrebbe voglia di avere un quarto figlio. Ma Paolo non ci sente”. Chi sa, forse un giorno Paolo finalmente sentirà. Vi auguriamo tanta felicità, ma soprattutto tanta serenità.

bruganelli