Roberta Bruzzone ha deciso di querelare anche Maria De Filippi

Roberta Bruzzone ha deciso di portare in tribunale il programma di Maria De Filippi, Amici. Non è proprio andata giù la parodia che Virginia Raffaele ha proposto sabato scorso durante la puntata in diretta in prima serata ad Amici. La criminologo conferma la querela che non solo arriva molto puntuale a Virginia Raffaele, ma anche doppia.

virginia-raffaele-boschi-222

Perché a finire sul banco degli imputati saranno in due. Non sarà soltanto la comica, ma anche Maria De Filippi. Roberta Bruzzone ha deciso, quindi, di querelare anche la padrona di casa per l’imitazione della Raffaella, definita volgare e piena di riferimenti sessuali. Ha rilasciato un’intervista su Periscope a Carmelo Abate di Quarto Grado,dove ha spiegato le sue ragione, dicendo: “Mi sono davvero arrabbiata.

Roberta-Bruzzone

Non per la parodia, perché i più grandi personaggi famosi vengono parodiati, anzi sotto certi punti di vista è anche lusinghiero. Quello che mi ha molto disturbato, e che forse non tutti hanno colto subito, è il continuo, reiterato, becero riferimento ad abitudini sessuali, a contenuti sessuali, a una sessualizzazione caricaturale che non mi appartiene”. Virginia Raffaele avrebbe esagerato con certe supposizioni: “Io sono una persona che in televisione si mostra sempre in maniera molto professionale, molto sobria, non mi sembra di approfittare della mia fisicità, né di averlo mai fatto in maniera procace o volgare. Quello poi che soprattutto mi ha disturbata è che Virginia Raffaele in maniera sistematica mi attribuisce condotte assolutamente infamanti, in particolare quella di aver ottenuto successo professionale non per meriti e fatica, dopo aver passato tantissimi anni sulla scena del crimine, a favore delle vittime, vicino a situazioni difficilissime, ma perché avrei elargito favori sessuali a destra e a manca. Siccome così non è siccome ritengo che questa tipologia di contenuti sia ben oltre il diritto di satira, ho deciso di prendere posizione e di farlo per vie legali”. La criminologa non ha dubbi nel tirare in ballo anche Maria De Filippi: “A chi mi critica per la mia posizione, ricordo che proprio la signora Maria De Filippi, quando venne parodiata in un noto programma televisivo, se ne ebbe piuttosto a male e impose la fine della sua parodia. Quindi se questo tipo di fastidio si è generato in lei al punto da attivarsi in tal senso, credo che potrà facilmente comprendere la inadeguatezza del tipo di contenuti che lei stessa ha messo in circolazione e naturalmente non riguarderà solo la signora Raffaele la mia azione”.

2013-03-amici

A poi concluso così la criminologa Roberta Bruzzone brindando con Carmelo Abbate: “Si può ridere, certo, ma non offendere le persone”.