Miriana Trevisan: sono tutti raccomandati !

Miriana Trevisan ha scelto i microfoni de “I Radioattivi” su Radio Club 91 per raccontare cosa succedeva negli anni’ 90 dietro le quinte di Non è la Rai. Tutti in quel programma sfruttavano la nostra immagine, ci costringevano a posare e a fare poster senza compenso. Lavori extra mai pagati. Racconta la showgirl. Lei riuscì ad entrare nel programma tramite la sua coreografa Marina Cinti.

miriana-trevisan-3

La bella Miriana era una semiprofessionista, una ballerina, e l’hanno cercata per ben un anno per farla partecipare come figurante. All’inizio Miriana non accettò, perché il suo sogno è stato sempre quello di diventare una ballerina professionista. Il suo papà gli diede un consiglio, come racconta lei durante l’intervista, di iniziare e poi chissà da una porta si apre un portone. Lei, così, seguì il consiglio di suo padre. Nonostante davanti allo schermo si scambiassero coccole e sorrisi complici, tra le protagoniste di Non è la Rai non c’era esattamente dell’affetto. “Tra di noi volavano coltellate. Sai, eravamo tutte donne. Però c’era anche dolcezza”. Oggi Miriana si descrive come una milf tranquilla, fiera delle rughe, in cerca di nuove avventure professionali: “Vorrei un programma serio ed elegante. Potrei condurre al posto di D’Urso e Panicucci. Ma sono tutti raccomandati. Mi sono preparata in silenzio sono pronta per una conduzione più da protagonista. Ma sto scoprendo anch’io che purtroppo è vero sono tutti raccomandati. Ho sempre avuto una visione romantica dell’impegno, pensavo di non essere in grado di dover studiare, ma tutti mi dicono sei troppo seria. Ho pagato le verità che non ho voluto vedere. Vivo di arte dipingo, sto scrivendo un romanzo ne ho pubblicato un libro per bimbi. Sono più felice adesso. Le cose adesso me le vivo più intensamente”.

20150326_c4_miriana-trevisan

 

La bella Miriana Trevisan ha lasciato un’intervista molto forte, per lei sono tutti raccomandati. Bè non sarebbe oggi giorno una grande novità. Chissà Miriana, se il tuo portone sta ancora in cerca di essere aperto.