Marco Baldini ha tentato il suicidio

Marco Baldini si è sfogato ai microfoni La Zanzara. Orami lontano dalle scene da diverso tempo a causa dei suoi problemi con il gioco che lo hanno fatto indebitare. Marco Baldini non sta passando un bel periodo. Forse, è uno dei pochi che non si è mai nascosto, ha sempre parlato apertamente del vizio del gioco, e dei debiti che ancora oggi sta facendo i conti. Soprattutto per questo ha lasciato la radio e il mondo dello spettacolo.

20140930_marco-baldini-arrabbiato

Parla, si sfoga su Facebook raccontando il suo periodo bruttissimo, e soprattutto racconta il menefreghismo di quelli che si definivano amici ma che ora gli hanno voltato le spalle. Oggi Marco Baldini tira avanti con 5 o 10 euro al giorno, come ha raccontato lui stesso: “Sto una merda. Sto male, molto male. Economicamente sono sotto lo zero. Sopravvivo, si impara a vivere con poco. Ci si adatta. Si impara a risparmiare. Sono in totale indigenza. Come personaggio pubblico penso di essermi suicidato, ma come essere umano tendo a mantenere un certo grado di dignità. Oggi tendo a chiedere meno soldi possibile a guadagnarne il più possibile”. Racconta anche durante l’intervista, che ha passato momenti peggiori in cui ha pensato anche al suicidio e un anno fa ci è andato davvero molto vicino.

Fiorello-Baldini-7

Ecco cosa racconta: “Mi è passato in mente più di una volta di ammazzarmi. Io non sono ipocrita: non l’ho fatto perché mi manca il coraggio. Chi non si ammazza, nel 99% dei casi, è perché non ne ha il coraggio. A me è mancato più di una volta. Ci sono andato vicino? Una volta l’ho rasentato. Circa un anno fa ero partito proprio con la brocca di volerla fare finita. Trovai un posto molto lontano da Roma, un posto isolato. Nella mia testa avrebbero dovuto ritrovarmi dopo tanto tempo. Avevo preso il tubo per collegarlo allo scappamento della macchina. Mentre ero lì a chiudere il finestrino con il nastro isolante mi sono sentito arrivare un cartone in faccia da dietro. Era un barbone che mi aveva visto fare il gesto insano e mi voleva rapinare. E’ stato un pirla, perché se avesse aspettato in quarto d’ora… Quindi mi ha salvato il barbone! Mi sono alzato, gli ho tirato due cartoni in faccia. Lui è caduto in un fosso e io sono partito in macchina con il tubo attaccato”.