Fabrizio Corona: “Datemi almeno una opportunità”

L’ex fotografo chiede di scontare gli ultimi 6 anni e 8 mesi che gli restano ai domiciliari per gravi e seri problemi. Viene portato in Tribunale come se fosse uno dei peggiori criminali d’Italia. Fabrizio Corona si è presentato ieri, 22 Febbraio 2015, in Tribunale per assistere all’udienza in cui si deciderà se concedergli gli arresti domiciliari o in una comunità di trattamento. L’ex fotografo, in carcere a Opera, viene trasferito con tanto di manette ai polsi, scortato da decine di agenti delle forze dell’ordine, come se fosse il più pericoloso dei criminali. I suoi legali hanno chiesto in Tribunale, se Corona potesse scontare i suoi 6 anni e 8 mesi che gli restano ai domiciliari per gravi problemi di salute. Anche perché ora c’è una perizia che conferma che Fabrizio Corona rischia la psicosi a rimanere in carcere. Secondo quanto sostengono i suoi legali, Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra, le turbe sono state tenute sotto controllo finora solo grazie ai trattamenti psicologici e alla somministrazione di farmaci. Ed è stata firmata dal dottor Riccardo Pettorossi, specialista in psichiatria dell’Istituto di medicina legale dell’Università di Milano. Secondo l’esperto Corona ha una personalità “narcisistica e borderline”, per l’ex fotografo il carcere provoca disturbi d’ansia con attacchi di panico e depressione, e più passa il tempo e più le cose potrebbero peggiorare.

INCHIESTA VIP: PM, FOTORICATTI COME ESTORSIONI MAFIOSE

Fabrizio Corona rischia di impazzire. All’ex fotografo era già stato negato l’affidamento ai servizi sociali, la scorsa estate, e da allora che Corona ha cominciato a non uscire più dalla sua cella e a chiudersi sempre più in se stesso. Si capisce anche dal fatto che Corona ha interrotto anche la sessione in palestra, alla quale non avrebbe mai rinunciato per nessuna ragione. Per curarlo, conclude il dottor Pettorossi, bisogna scollegarlo dal circuito carcerario. La mamma, Gabriella Corona, negli ultimi tempi è spesso in tv a chiedere una pena alternativa, ma soprattutto giusta per il figlio: “Ho paura che possa perdersi del tutto”. Parole di una mamma che soffre tantissimo, ma a preoccuparsi per lui c’è anche don Antonio Mazzi che aveva confermato, anche lui, lo stato di salute di Fabrizio: “Sta male, sono davvero preoccupato”. Ed ecco che, finalmente arriva la richiesta di arresti domiciliari. Intanto per Fabrizio Corona solo manette e misure di alta sicurezza come se fosse un criminale omicida. Forza Corona noi siamo tutti con te. Aspettiamo solo l’esito finale.

1739852-corona2