Adesso parla il padre di Loredana Bertè

Dal palco del Maurizio Costanzo Show dello scorso 19 aprile Loredana Bertè era tornata a raccontare la sua infanzia molto complicata. Un’adolescenza vissuta come un incubo, condivisa con la sorella Mia Martini, per la quale era tornata ad accusare il padre Giuseppe Radames Bertè, ex docente di latino e greco, rinominato da Loredana come”classico padre padrone, babbo bastardo”. Accusato dalla cantante di violenze domestiche e descritto come uomo violento e autoritario, colpevole di aver picchiato la madre quando era incinta, e di averle fatto passare una vita d’inferno. I rancori e le incomprensioni della famiglia Bertè stanno tenendo tristemente banco nelle trasmissioni televisive e radiofoniche degli ultimi tempi, dove le accuse e repliche feroci, dalle voci degli interessati si scagliano le dichiarazioni più rabbiose.

Loredana_Berte_1

 

Adesso a parlare è proprio suo padre Giuseppe, il babbo cattivo che ai microfoni del programma “la Zanzara” su Radio 24 ha voluto replicare alle invettive con altrettanta acredine. Ha detto: “Loredana? E’ una delle sventure più grandi, è depravata moralmente quando si sospetta e si urla che il padre è quello che ha fatto morire Mimì. Una depravazione, una depravazione morale”. Poco dopo l’intervista si è chiusa bruscamente, con l’uomo molto infastidito dalle domande del giornalista Giuseppe Cruciani: “Quando questa disonesta si permette di chiamarmi il padre brutto bastardo, che cosa volete di più? Ho visto la televisione e mi sono trovato in una condizione che non vi dico. Non è la prima volta.

La prima volta l’ho querelata, ma dovendo andare in tribunale, poi passano gli anni, e ci siamo messi d’accordo. Lei ha pagato qualcosa e qualcuno. Adesso non voglio ripetere questa bruttissima storia. Lei che cosa vuole con questa intervista? Con le sue domande mi sta infastidendo molto. Lo saluto e arrivederci”. E’ davvero una storia molto penosa e vergognosa, quella di raccontare tutto e rinfacciare tutto in televisione.