Silvio Berlusconi ricoverato al Presbyterian Medical Center di New York. “Infiammazione generale”

lunedì 03 ottobre 2016 by Marina

L’ex premier Silvio Berlusconi è stato ricoverato al Presbiterian Medical Center di New York. Dieci anni dopo l’installazione del pacemaker a Cleveland, in Ohio, Silvio Berlusconi è ritornato negli Stati Uniti per farsi curare, anzi, per degli accertamenti in seguito al difficile intervento al cuore cui è stato sottoposto il 14 giugno al San Raffaele di Milano.

Silvio che non è più un giovincello, infatti,  ha festeggiato da poco i suoi ottannata anni, questa volta per il suo ricovero è arrivato fin a New York: Silvio Berlusconi è ricoverato da venerdì scorso in uno dei migliori e più competenti ospedali statunitensi, il New York-Presbyterian.

I legali di Silvio Berlusconi, Franco Coppi e Federico Cecconi, hanno presentato il certificato di ospedalizzazione all’istanza di rinvio per legittimo impedimento nell’udienza preliminare Ruby ter in cui l’ex premier è incolpato di corruzione in atti giudiziari.

Nel certificato medico del dott. Berlusconi esibito dagli avvocati, vi è scritto che l’ex premier soffre soffre di “scompensi pressori” e “flogosi”, conseguenza, quest’ultima, all’intervento di scambio della valvola aortica cui è stato sottoposto pochi mesi fa in Italia.

Il gup di Milano Laura Marchiondelli logicamente ha accettato la richiesta di legittimo impedimento che, per motivi di salute avanzata Silvio Berlusconi nell’udienza preliminare del procedimento cosiddetto Ruby ter e ha eliminato la sua posizione da quella degli altri 23 imputati, rimandando per lui l’udienza al prossimo 15 dicembre. Berlusconi, come spiegato dalla difesa, è negli Stati Uniti per indagini sanitarie e cure mediche. Mentre oggi per gli altri imputati il procedimento avanza.

Ovviamente il nostro staff augura al ex premier Silvio Berlusconi una pronta guarigione.